Rayner Spehl: autoproduzione alla berlinese


Con le sue creazioni minimali, autoprodotte e lavorate in ogni dettaglio, ha conquistato Nike, Stone Island, Dior e Gucci, oltre che collezionisti e clienti privati. Una poetica “hands-on”, la sua. Fatta ponendo un’attenzione maniacale al materiale, soprattutto legno. Uno dei suoi prodotti più noti? Un case per proteggere la più nota mela morsicata.